Finestre Italiane Finestre fatte bene

FINESTRE ITALIANE. FINESTRE FATTE BENE.

DAVIDE BRIGHI • BRIGHI INFISSI
INTERVISTA

Quali sono a suo parere le caratteristiche imprescindibili per realizzare una “Finestra fatta bene”?

Dietro ad una finestra fatta bene c’è per prima cosa un’azienda fatta bene, ovvero, una realtà produttiva certificata e dotata di un vero sistema di controllo qualità (ISO 9001), che utilizza materiali adatti alle sollecitazioni termiche del paese in cui il prodotto sarà posato e lavora seguendo pedissequamente i manuali tecnici per il rispetto delle direttive di lavorazione, limiti dimensionali, liste di taglio e via dicendo. Un’azienda che ha chiaro cosa vuole dire innovazione continua e che quindi vuole migliorarsi con umiltà e determinazione. Una finestra fatta bene è una finestra realizzata da personale specializzato e appassionato, che ricerca sempre il migliore dettaglio estetico-funzionale e che per far ciò riceve la continua formazione tecnica e la motivazione necessaria.

Quali sono i principali servizi che offre alla sua clientela e quali Le vengono richiesti più frequentemente?

La nostra clientela può contare sulla professionalità di un ufficio tecnico interno composto da quattro persone altamente qualificate che hanno maturato importanti esperienze; si occupano di progettazione integrata secondo la tipologia muraria del committente e di studi progettuali nel rispetto di determinati parametri, come, ad esempio, quelli di CasaClima. Solitamente, i clienti ci richiedono velocità e precisione nella consegna, sostegno tecnico e servizi postvendita efficaci; richieste che assecondiamo con la massima puntualità e qualità, con grado di difettosità misurata vicino allo 0. Nei nostri servizi, rientra inoltre la capacità di proporre sempre la soluzione più adatta alle esigenze del cliente, grazie ad un’offerta di prodotti molto ampia.

Quali sono le differenze tra una finestra costruita in Italia con i profili REHAU e una finestra di importazione?

Una finestra prodotta in Italia a regola d’arte tiene conto dell’impiego dei materiali più idonei alle caratteristiche termiche e delle normative del paese ed è frutto di una progettazione e costruzione attenta sulla base del caso specifico. Oltre che dal punto di vista geografico, una finestra d’importazione sarà con tutta probabilità distante dalle esigenze del cliente, che dovrà accontentarsi di un prodotto standard difficilmente personalizzabile e ritengo con un grado di finitura meno artigianale.

TORNA ALLA LISTA